All'Eremo San Gallo
Km e Tempo di percorrenza: 4.9 Km | 1.5h
Dislivello in mt (somma di tutte le salite): 200
Difficoltà: Facile
Punto di partenza: Parcheggi Pro Loco Soligo in Via dei Colli a Farra di Soligo
Descrizione breve: Siamo sulle Colline del Prosecco, patrimonio Unesco. Camminando tra i vigneti raggiungeremo l'eremo di San Gallo e la Madonna dell'aviatore con il loro magnifico belvedere sulla pianura trevigiana
Passeggino/Carrozzina: No
Mappa eremo San Gallo

Il percorso

Dopo una notte in cui non abbiamo dormito molto, ci svegliamo con la voglia di andare a fare due passi in collina. Ma dove andare? Mi viene in mente una leggenda che ho letto (la potete leggere alla fine della pagina) relativa all'Eremo di San Gallo e decidiamo di "puntare" questo luogo, magari aiuterà il sonno dei bimbi.

Parcheggiamo l'auto nel parcheggio della Pro Loco in Via dei Colli e dopo la colazione d'ordinanza al Bar 4 Ciacole (proprio di fronte al parcheggio), belli rifoccilati iniziamo subito la nostra camminata. Riattraversiamo la strada e andiamo a destra ed incontriamo subito Via Bon Bozzolla e qui andiamo a sinistra.

Camminiamo lungo questa via fino alla fine e poi andiamo a destra (Via dei Brent) e poi subito a sinistra in Via San Gallo. Da qui ci dirigiamo verso la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo che si presenta a noi in tutta la sua grandezza superata la curva, anzi il campanile sembra salutarci con i rintocchi delle 9 del mattino.

Sebastian sa che i rintocchi del campanile segnano l'ora e si mette a contare 1...2...3 alla fine fa "Mamma sono le 9" !!!

Arriviamo all'entrata laterale della chiesa e prendiamo il sentiero che sale tra i vigneti. Arriviamo nei pressi di una curva con una quercia e continuiamo a salire.

Sarà per l'ora, sarà perché è autunno ma nonostante siamo vicini al paese regna una tranquillità, interrotta ogni tanto dal rumore del decespugliatore dei contadini che stanno tagliando l'erba in un vigneto vicino.

Passiamo accanto al serbatoio dell'acquedotto e seguendo la staccionata sbuchiamo nei pressi di alcune case, una attrae subito l'attenzione di Evelina poiché nella facciata ha l'affresco della Madonna. Poco dopo io penso di aver trovato della bacche di rosa canina, ma Evelina l'erborista mi corregge spiegandomi che molte rose fanno le bacche.

La salita continua ma è sempre agevole e ben segnalata, la vista ci è un po' preclusa da una siepe che però ci ripara dal sole. Non è molto caldo ma un po' fastidioso per gli occhi.

I bimbi salgono e rincorrono le farfalle molto numerose in questo tratto di sentiero.

Lo sterrato si interrompe e arriviamo a una strada cementata, Sebastian reclama la discesa ma dobbiamo continuare a salire per raggiungere la vetta e pertanto avanti tutta sulla destra. Arriviamo nei pressi di un cancello e proseguiamo dritti lungo il sentiero; si aprono delle belle viste sulla pianura, peccato però per la foschia.

Al successivo bivio teniamo la destra, l'importante è salire sempre. Passiamo accanto ad una recinzione metallica con una siepe le cui foglie si sono tinte dei colori autunnali. Di fronte a noi ecco il tipico esempio dei terrazzamenti delle Colline del Prosecco Unesco. Sebastian vede una farfalla appoggiata ad un sasso che sembra dormire e reclama la macchina fotografica per fargli la foto.

Siamo finalmente in vetta, sulla strada asfaltata e a destra ecco l'Eremo di San Gallo.

Se non fosse per la foschia che ci accompagna, il panorama da quassù sarebbe veramente stupendo. Ci sono alcune panche, dei tavoli e dietro la chiesa un bel prato verde. 

Marco Albino comincia a correre e raggiunge la Madonna dell'Aviatore, facciamo un po' di pausa lasciando che i bimbi si sfoghino un pò. D'altronde sono stati veramente bravi oggi.

Ci rimettiamo in cammino, raggiungendo nuovamente la chiesa ed ecco un'iscrizione sulla facciata che reca Quassù nell'aria pura si innalza ogni creatura, e con ammirabile amore, riconosce te, Dio Creatore, riusciamo a vedere l'interno tra i vetri della finestra.

Passiamo accanto alla Croce, si dice che una scheggia di questa croce posta sotto il cuscino dei bambini li aiuti ad addormerntarsi.

E' ora di iniziare il ritorno e per la gioia di Sebastian è tutto in discesa. Camminiamo lungo la strada asfaltata fino a raggiungere la Locanda la Candola e da qui deviamo sulla via laterale di destra, facendo attenzione di prendere il sentiero che sale a sinistra (accanto all'insegna del Prosecco DOCG).

Il percorso sale lievemente tra i colli, passiamo sotto a delle grandi querce,  poi rieccoci in piano tra i vigneti. A lato i ruderi di un antico casolare ed ovviamente i panorami sulla pianura veneta ci accompagnano.

In 15 minuti siamo su  una strada asfaltata e scendiamo, andando sinistra. Cammina e cammina sentiamo qualcosa che cade sulla strada, le castagne. Nei campi attigui infatti si coltivano castagni. Marco Albino ne raccoglie una decina che trova lungo il percorso, sembra quasi che Pollicino voglia indicarci la via del ritorno.

La discesa continua e passiamo accanto a un uliveto, degli strani rumori provengono da bordo strada. Sono delle lucertole spaventate che sentendo i nostri passi scappano.

Raggiungiamo la pianura e all'incrocio andiamo a sinistra (Via dei Bert), all'incrocio a destra in Via Bon Bozzolla e di lì all'auto. Se poi avete ancora fame ricordatevi che il Bar 4 Ciacole fa anche aperitivi, cicchetti e pranzi veloci.

 

Mangia e bevi vicino alla camminata

Bar 4 Ciacole Farra di Soligo

Bar 4 Ciacole

Ai piedi delle Colline del Prosecco: colazioni, aperitivi e cicchetti, pranzi veloci cucinati al momento

Via dei Colli n. 20 - Farra di Soligo
Tel 0438 983084

Galleria Fotografica

Colazione 4 Ciacole
Via dei Colli Farra di Soligo
Fine di Via Bon Bozzolla a des...
Via San Gallo - Soligo
Vista sull'eremo di San Gallo
Chiesa dei Santi Pietro e Paol...
Prendiamo la stradina che sale...
Su tra i vigneti
Passiamo sotto a una grande qu...
A lato del serbatio dell'ATS
Sbuchiamo nei pressi di alcune...
Affresco della Madonna
Bacche di rosa
Continuiamo lungo il sentiero
Vista sulla Chiesa di Soligo
Alla strada cementata a destra
Fine strada cementata e su lun...
Camminiamo accanto a una recin...
Terrazzamenti di Collina
Farfalla
Finito il sentiero a destra ed...
Eremo di San Gallo
Chiesa di San Gallo
Interno Chiesa di San Gallo
Iscrizione esterna Chiesa San ...
Panorami da San Gallo
Madonna dell'Aviatore a Soligo
Croce all'eremo di San Gallo
Scendiamo per la strada asfalt...
Dopo la locanda la Candola si ...
Al bivio teniamo la sinistra
Passiamo sotto a dei grandi ro...
Ecco dei ruderi di un casolare...
Panorama sulla pianura trevigi...
In piano lungo la strada sterr...
Raggiunta la strada asfaltata ...
Castagni
Panorami in discesa
Uliveto
All'incrocio a sinistra e poi ...

Mangia e bevi vicino alla camminata

Bar 4 Ciacole Farra di Soligo

Bar 4 Ciacole

Ai piedi delle Colline del Prosecco: colazioni, aperitivi e cicchetti, pranzi veloci cucinati al momento

Via dei Colli n. 20 - Farra di Soligo
Tel 0438 983084

Cosa vedere

Eremo e Chiesa di San Gallo, piccolo complesso religioso formato da chiesetta e annessa abitazione per gli eremiti (ora disabitata). Fu fondato secondo la leggenda nel 1430 dal frate Egidio di Lombardia colpito dalla bellezza dei panorami che da qui si potevano vedere.

Madonna dell'Aviatore 

Punti di ristoro

Bar 4 Ciacole a Farra di Soligo in Via dei Colli n. 20

Curiosità

Fino a qualche decennio fa l'eremo di San Gallo era un luogo di pellegrinaggio per chi soffriva d'insonnia. Qui si portavano anche i bimbi che faticavano a dormire la notte per "cior la son" (fargli prendere sonno).