Passeggiate lungo le vie d'acqua Treviso

Itinerario alle Sorgenti del Sile

Itinerario alle sorgenti del Sile
Km e Tempo di percorrenza: 3.2 km | 1.0 h
Dislivello in mt (somma di tutte le salite): 22
Difficoltà: Facile
Punto di partenza: Parcheggi presso Porta dell'Acqua in Via Santa Brigida a Vedelago (non lasciate nulla in vista dentro l'auto!!!)
Descrizione breve: Breve camminata per vedere le sorgenti del Sile con le sue tipiche polle d'acqua che emergono dal terreno, e giro all'interno del bosco dei fontanassi all'interno del tipico ambiente golenale di questo fiume
Passeggino/Carrozzina:
Itinerario alle sorgenti del Sile

Il percorso

Ed eccoci alla prima passeggiata con la famiglia al completo, tutti e 5 anche con Samuele che se ne starà bello comodo sul marsupio con mamma. I preparativi non sono stati semplici tra pappe, biberon, pannolini e passeggino che all'ultimo abbiamo lasciato a casa perchè non trovavamo più un pezzo. Comunque alla fine ce l'abbiamo fatta e siamo partiti alla volta di Vedelago per vedere le sorgenti del Sile.

Teoricamente la potete fare con il passeggino ma il percorso non è proprio ben messo e se per caso è piovuto di recente tornerete con le ruote belle infangate.

Parcheggiamo l'auto presso la Porta dell'Acqua (raccomandiamo di non lasciare nulla in vista dentro l'auto perchè ci sono giunte alcune segnalazioni riguardanti la frequente presenza di malintenzionati)e ci prepariamo al cammino, una pattuglia dei carabinieri ci affianca e ci invita a non lasciare nulla in vista nell'auto a causa dei soliti ignoti. Per noi questo incontro è già una prima avventura poichè Marco Albino e Sebastian sono tutti emozionati dall'aver salutato i carabineri e da aver visto la loro auto così da vicino.

Usciamo dal parcheggio e ci incamminiamo verso destra, subito sulla destra ecco un bel cartellone "Porta dell'Acqua sorgenti del Sile", faremo circa 500metri in strada e prestiamo molta attenzione perchè questa via è stretta e qualche macchina passa ogni tanto. Passiamo accanto a due capitelli della Madonna, e poi sempre dritti fino a prendere dopo una casa gialla la via di campagna alla nostra sinistra.

I nostri occhi vengono colpiti da alcune calle cresciute lungo un fosse, il bianco dei loro fiori fa proprio una bella figura in mezzo al verde dell'erba. Arriviamo ad un bivio e teniamo la sinistra, seguendo le indicazioni per il Bosco dei Fontanassi.

Finalmente siamo un po' all'ombra, sulla sinistra un pioppeto che svetta verso il cielo mentre sulla destra un cartello ci spiega la tecnica dei campi chiusi, un sistema di coltivazione che consisteva nel circondare i campi coltivati da delle siepi di varie essenze arboree che proteggevamo le coltivazioni dagli eventi atmosferici, attiravano gli insetti buoni e fornivano il legname per riscaldarsi e per fabbricare degli arnesi. Ad un certo punto Sebastian mi fa: Papà guarda neve!!!! In realtà sono i pollini che hanno imbiancato il terreno di un campo adicente.

Marco Albino nota subito delle pozzanghere e vorrebbe tuffarsi dentro, ma Evelina lo redarguisce con tono severo; d'altronde se si sporcano appena partiti siamo a posto ;-)

Sulla sinistra scorre un rigagnolo d'acqua, superiamo un altro bivio tenendo la sinistra e poco dopo entriamo sulle passerelle che ci introducono al bosco dei fontanassi. Qualche passo e sulla destra possiamo già vedere le sorgenti del Sile e prestando attenzione si notano le polle d'acqua che emergono dal terreno. Sebastian pensa che tutto quello smuoversi di sabbia sotto l'acqua siano sabbie mobili, mentre in realtà siamo all'inizio di quello che è il fiume di risorgiva più lungo d'Europa.

Decidiamo di vedere queste polle più da vicino e prendiamo le passerelle in legno sulla destra. Io e Evelina dobbiamo prestare molta attenzione perchè oggi Marco Albino e Sebastian sono un po' spericolati. Samuele dal canto suo se ne sta bello comodo nel marsupio.

Ultimate le passerelle, andiamo sulla sinistra percorrendo la via principale e in breve siamo ad una rotonda dominata da una magnifica quercia. La segnaletica è molto scarsa e fino a qui siamo andati molto a intuito. Decidiamo di stabilire ai piedi della quercia il nostro "campo base" cosicchè la mamma con Samuele possa starsene un po' tranquilla, e poi ognuno può fare l'attività che più gli piace.

Con i bimbi io esploro un po' i dintorni, troviamo delle impronte di cavallo e dopo un po' di girovagare decidiamo di tornare al campo base poichè in alcuni tratti la vegetazione è davvero molto fitta e i bimbi reclamano la merenda che è restata con la mamma.

Torniamo alla quercia e mentre facciamo merenda Marco Albino e Sebastian provano a fare gli equilibristi lungo i tronchi. Io prima mi diverto a pestare le foglie secche per sentirne il rumore e poi prendo le passerelle in legno poste di fronte a noi e arrivo ai punti di osservazione, ahimè la vegetazione copre tutta la visuale. Comunque un carbonas (biscia di campagna) mi attraversa la strada ;)

Ci rimettiamo in cammino anche perchè le zanzare cominciano a rompere un po'. Ora prestiamo un po' di attenzione e prendiamo il sentiero a posto più a destra rispetto a dove siamo arrivati. In breve reincontriamo le passerelle in legno dell'andata e andiamo a sinistra.

Passiamo un pontile in legno e andiamo a destra e al bivio successivo sempre a destra (in modo da non sbucare tra i campi).

Sulla destra ecco svettare le alte cime degli alberi. In breve siamo nuovamente all'accesso del bosco dei fontanassi.

Da qui seguiamo a ritroso la via dell'andata e un leggero venticello passa tra le chiome dei pioppi e ci rinfresca un po' in questa calda giornata. Ritroviamo la strada asfalta, nonostante i pochi chilometri i bimbi sono un abbastanza stanchi (sarà il caldo), e non vedono l'ora di sedersi in auto.

Galleria Fotografica

Parcheggio Porta dell'Acqua
Parcheggio Porta dell'Acqua
Via Santa Brigida Vedelago
Via Santa Brigida Vedelago
Capitello Madonna
Capitello Madonna
Dopo la casa gialla a sinistra
Dopo la casa gialla a sinistra
Prendiamo lo sterrato a sinistra
Prendiamo lo sterrato a sinistra
Calle sul fosso
Calle sul fosso
A sinistra per il Bosco dei Fontanassi
A sinistra per il Bosco dei Fontanassi
Sottobosco del Sile
Sottobosco del Sile
Campi chiusi
Campi chiusi
Rigagnolo d'acqua
Rigagnolo d'acqua
Verso il Bosco dei Fontanassi
Verso il Bosco dei Fontanassi
A sinistra per entrare nel bosco dei Fontanassi
A sinistra per entrare nel bosco dei Fontanassi
Entrata Bosco dei Fontanassi
Entrata Bosco dei Fontanassi
In cammino
In cammino
Guardando le polle del Sile
Guardando le polle del Sile
Inizio del Sile
Inizio del Sile
Polle d'acqua
Polle d'acqua
Prendiamo le passerelle in legno
Prendiamo le passerelle in legno
Continuiamo lungo le passerelle
Continuiamo lungo le passerelle
Dopo le passerelle a sinistra
Dopo le passerelle a sinistra
Felce sottobosco
Felce sottobosco
Quercia
Quercia
Pic nic
Pic nic
Prove di equilibrio
Prove di equilibrio
Pestiamo le foglie
Pestiamo le foglie
Passerelle per i punti di osservazione
Passerelle per i punti di osservazione
Punti di avvistamento
Punti di avvistamento
Sulla vita del rientro
Sulla vita del rientro
Arriviamo alle passerelle viste prima
Arriviamo alle passerelle viste prima
Dopo pontile a destra
Dopo pontile a destra
Superato il pontile a destra
Superato il pontile a destra
Chiome degli alberi
Chiome degli alberi
Riagganciamo la strada sterrata dell'andata
Riagganciamo la strada sterrata dell'andata

Cosa vedere

Sorgenti del Sile all'entrata del Bosco dei Fontanassi guardando bene la superficie dell'acqua si potranno notare le polle d'acqua che emergono dal terreno.

Bosco dei Fontanassi con il tipico ambiente golenale del Sile: pioppi, acacie, querce. Peccato per la scarsa manutenzione e per la segnaletica pressochè assente che costringe il visitatore ad andare un po' a caso e a intuito. Gli ambienti naturali sono sempre belli ma dal parco delle sorgenti del fiume di risorgiva più lungo d'Europa ci si aspetterebbe di più.

Punti di ristoro

nessuno

Curiosità

Le sorgenti del Sile originali erano ubicate presso la Porta dell'Acqua. Tuttavia tra fine 800 e inizi del 900 il corso originale di questo fiume fu interato a causa delle continue esondazioni de Sile che essendo ricco d'acqua andava a formare delle aree acquitrinose (palù). I palù a causa della scarsa produzione un tempo non erano molto considerati, mentre oggi si è scoperto che sono aree ricche di biodiversità.

Instagram #passeggiatetreviso
Condividi la tua esperienza con noi

Se ho il passeggino?

No problem, ecco una sezione di  passeggiate da fare in passeggino o in carrozzina

Nota Importante

Tutti i percorsi sono presentati nello stato di fatto in cui si trovano al momento della nostra camminata. PasseggiateTreviso.it non è collegata ai percorsi elencati e declina ogni responsabilità per eventuali errori ed omissioni presenti in questa guida.

Partners

Giusti Wine

Lasciamo il Segno ulss treviso

© 2024 PasseggiateTreviso | Daniele Genovese P.I. 04742720263